SERVIZI LEGALI - RICHIEDI UNA CONSULENZA LEGALE
Tel +39 02 94088188 - Fax +39 02 90090133 - info@iltuolegale.it

Vantaggi


Richiedi un preventivo tenendo presente che il nostro studio può offrirti un servizio di consulenza on-line che ha importanti vantaggi tra cui tempestività delle risposte e risparmio di tempo e denaro.

Violenza e Minaccia: due facce della stessa medaglia

Occorre anzitutto partire dal presupposto che la violenza è un qualsiasi strumento in grado di costringere psichicamente e/o fisicamente la vittima portandola ad agire in un determinato modo. Costituisce quindi violenza non solo la forza fisica o l'uso di un'arma, ma anche la narcotizzazione di una persona, la sua ipnotizzazione ecc.. Cosa diversa è invece la “minaccia di una violenza”, ipotesi contemplata dall’art. 611 del codice penale: “Chiunque minaccia ad altri un ingiusto danno è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a lire centomila. Se la minaccia è grave o è fatta in uno dei modi indicati nell’art. 339 c.p., la pena è della reclusione fino a un anno e si procede d'ufficio.”. Come si desume dal contenuto dell’articolo appena citato, in questo caso il soggetto si limita a prospettare alla vittima un male futuro la cui verificazione dipende dalla volontà dell'agente. Sia la minaccia che la violenza non devono essere necessariamente rivolte contro il destinatario delle stesse, potendo anche riguardare altre persone vicine alla vittima (ad esempio parenti). Ci sono diversi tipi di violenza e di minaccia. La violenza privata, ad esempio, è punita - secondo l’art. 610 del c.p. - con la reclusione fino a 4 anni e si configura ogni qual volta un soggetto con violenza o minaccia, costringe una persona a fare, tollerare o omettere qualche cosa. Il contenuto della norma in questione è di carattere piuttosto generale e, in molti casi, si configurano ipotesi delittuose più specifiche: ad esempio, qualora la violenza sia finalizzata a farsi dare del denaro, si avrà non violenza privata, ma estorsione; oppure, quando la violenza è finalizzata ad ottenere una prestazione di carattere sessuale, non si avrà violenza privata, ma violenza sessuale, ecc… Sia la violenza che la minaccia sono considerate aggravate se commesse con particolari modalità (ad esempio con armi o da persona travisata o da più persone riunite o con scritto anonimo, ecc...). In tal caso, ricorrendone i presupposti, le pene sono aumentate. Come sopra accennato, anche porre qualcuno in uno stato d’incapacità mediante violenza è reato. In questa ipotesi si ricade nel disposto di cui all’art. 613 c.p.: "Chiunque, mediante suggestione ipnotica o in veglia, o mediante somministrazione di sostanze alcoliche o stupefacenti, o con qualsiasi altro mezzo, pone una persona, senza il consenso di lei, in stato d'incapacità d'intendere o di volere è punito con la reclusione fino a un anno. Il consenso dato dalle persone indicate nell'ultimo capoverso dell’art. 579 non esclude la punibilità. La pena è della reclusione fino a cinque anni: 1. se il colpevole ha agito col fine di far commettere un reato; 2. se la persona resa incapace commette, in tale stato, un fatto preveduto dalla legge come delitto.". Come si evince dal corpo della norma, anche se il soggetto ridotto in stato d’incapacità è consenziente – ma il consenso gli è stato dal colpevole estorto con violenza, minaccia o suggestione, ovvero carpito con inganno – il reato sussiste. La precisazione, a ben vedere, pare quanto mai opportuna se si considera che lo stato d’incoscienza potrebbe essere procurato con qualunque mezzo: ipnosi, farmaci, sostanze stupefacenti, ubriacatura ecc…

Per una consulenza in merito non esitare a contattarci.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - consulenza legale on-line

E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo presente in questo articolo senza il consenso dell'autore. In caso di citazione è necessario riportare la fonte del materiale citato.

 

 

Servizi per privati

Il Tuo Legale offre consulenza per il cittadino e per la famiglia su tutte le principali problematiche: risarcimento danni, separazione e divorzio, successioni, condominio e locazione, consumatore, incidenti stradali, patente a punti, ricorsi, denuncie, querele, diritto penale, e tutto ciò che richiede l'assistenza di un avvocato.

Servizi per aziende

I servizi offerti alle aziende spaziano a 360 gradi per venire incontro a tutte le esigenze volendo fornire un referente unico per materie diverse: diritto societario, diritto del lavoro, recupero crediti, contratti, e tutto ciò che serve come consulenza legale. Lo studio segue Clienti in diversi settori: assicurazioni, editoria, condominio...

Consulenza legale online

Puoi ricevere entro 24 ore
i nostri servizi legali.

Altri siti:

Avvocato Animali
Diritto del Turismo
ScubaLex

Newsletter

Ricevi HTML?

Cerchiamo un praticante

Il Tuo Legale cerca neolaureato/a in giurisprudenza, preferibilmente residente in paesi limitrofi alla sede dell’ufficio di Binasco (MI), da introdurre stabilmente e a tempo pieno nell’organico dello Studio, con occupazione preminente in diritto civile. Si richiede serietà e determinazione per lo svolgimento della pratica forense. Inviare curriculum all'indirizzo e-mail: info@iltuolegale.it


Il Tuo Legale
Studio Legale di
Avvocato F. Zambonin

Tel +39 02 94088188
Fax +39 02 90090133
info@iltuolegale.it

Tot. visite contenuti : 3867780
 34 visitatori online

Domiciliazioni legali

Le domiciliazioni assicurano ai clienti di tutta Italia la disponibilità di Professionisti che possano seguire gli sviluppi delle attività presso i Tribunali di propria competenza.

Pubblicazioni

Lo studio gestisce pubblicazioni per carta stampata, periodici quotidiani e riviste mensili specializzate, su portali di informazione Internet.

Registrazione del marchio

Lo studio svolge attività di registrazione del marchio depositandone la richiesta alle autorità competenti.