Legge a tutela delle donne

Il 25 Novembre, in tutto il mondo, si è celebrata la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne.

violenza donne

Per tale occasione, si ritiene importante ricordare a tutte le donne che la Legge n.154/2001, concernente le “misure contro la violenza nelle relazioni familiari”, ha introdotto nel nostro ordinamento specifiche misure di protezione sia in ambito penale che civile.

In ambito penale, ricordo quanto proposto dalla Collega, Avv. Maio (http://www.iltuolegale.it/misure-contro-la-violenza-in-famiglia-misure-coercitive).

In ambito civile, invece, è importante ricordare che la legge n.154/2001 ha introdotto due norme: l’art. 342bis e l’art.342ter c.c..

L’art. 342bis c.c. prevede che il Giudice nel caso in cui la condotta del coniuge o di altro convivente sia causa di un grave pregiudizio all’integrità fisica o morale ovvero alla libertà dell’altro coniuge o convivente, possa adottare i provvedimenti di cui all’art. 342ter c.c., ossia:

l’allontanamento dalla casa familiare del coniuge o del convivente che ha tenuto la condotta pregiudizievole, prescrivendogli altresì, ove occorra, di non avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dall’altro e in particolare al luogo di lavoro, al domicilio della famiglia d’origine, ovvero al domicilio di altri prossimi congiunti o di altre persone ed in prossimità dei luoghi di istruzione dei figli della coppia, salvo che questi non debba frequentare i medesimi luoghi per esigenze di lavoro;

l’intervento dei servizi sociali del territorio o di un centro di mediazione familiare nonché delle associazioni che abbiano come fine statutario il sostegno e l’accoglienza delle donne e minori o di altri soggetti vittime di abusi e maltrattamenti;

il pagamento periodico di un assegno a favore delle persone conviventi che rimangono prive di mezzi adeguati, fissando le modalità e termini di versamento e prescrivendo, se del caso, che la somma sia versata direttamente all’avente diritto dal datore di lavoro dell’obbligato, detraendola dalla retribuzione allo stesso spettante.

La misura di protezione non può avere durata superiore ad 1 anno, che decorre dal giorno dell’avvenuta esecuzione dell’ordine, e può essere prorogata solo se ricorrano gravi motivi e per il tempo strettamente necessario.

Per una consulenza legale: info@iltuolegale.it – 02 94088188

Non si effettua consulenza legale gratuita.

E’ assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo presente in questo articolo senza il consenso dell’autore. In caso di citazione è necessario riportare la fonte del materiale citato.