Recupero Crediti

Attività legale di recupero crediti in via stragiudiziale, recupero crediti giudiziale, istanza di fallimento.

Non riuscite ad ottenere il pagamento di una fattura, di un lavoro effettuato, o di una prestazione resa perché il debitore non risponde alle Vostre richieste di pagamento?

L’’attività di recupero credito tende ad ottenere il pagamento di ciò che Vi spetta svolgendo le seguenti attività:

Recupero crediti in via stragiudiziale

Lo Studio si metterà in contatto con il debitore, mediante solleciti epistolari e telefonici volti a concordare un piano di rientro. In particolare, a mezzo lettera raccomandata di DIFFIDA AD ADEMPIERE intimerà al debitore di pagare la somma dovuta entro un termine determinato, pena l’’inizio di un’azione giudiziaria a suo carico e l’’addebito di tutti i maggiori oneri.
Qualora il debitore si mettesse in contatto con lo Studio rendendosi disponibile al pagamento – immediato o rateizzato – lo Studio provvederà a prendere le necessarie cautele ed accorgimenti per garantire il rispetto di tale promessa, anche mediante una verifica delle reali condizioni economiche del debitore.
Questa procedura evita i costi e le lungaggini della via giudiziale, ma deve necessariamente ottenere la collaborazione del debitore: in caso il debitore non paghi né si dichiari disponibile a farlo, bisognerà ricorrere alla via Giudiziale.

Recupero credici in via Giudiziale

Previa verifica del buon esito del recupero coattivo del credito, si può procedere mediante il deposito di un ricorso per ingiunzione: questo è procedimento sommario che, in tempi abbastanza brevi, permette di ottenere un titolo esecutivo per agire contro il debitore insolvente (mediante, ad esempio, un pignoramento dei mobili della casa o dell’’azienda o degli immobili di sua proprietà).
Tale procedimento è però esperibile solo in determinate condizioni: in particolare, il credito deve essere certo (ovvero provato documentalmente mediante fatture, contratti, o altra documentazione), liquido (ovvero sicuro nel suo ammontare) ed esigibile (il termine di pagamento deve essere già scaduto).

In caso non si verifichino queste condizioni, sarà necessario agire per le vie ordinarie, ovvero con atto di citazione. Anche in questo caso l’’azione è diretta ad ottenere un titolo esecutivo, ma i tempi sono più lunghi.

Procedura fallimentare

In caso, infine, il debitore fallisca, sarà necessario immettersi nella procedura fallimentare, partecipando così alla distribuzione del ricavato dell’utile della società. Prima di esperire qualsiasi procedura, lo Studio valuterà con Voi l’’opportunità di agire, confrontando i tempi ed i costi della procedura e le probabilità di successo.

Per una consulenza legale: info@iltuolegale.it – 02 94088188

Non si effettua consulenza legale gratuita.

E’ assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo presente in questo articolo senza il consenso dell’autore. In caso di citazione è necessario riportare la fonte del materiale citato.

rc

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*